topblog Ivoire blogs

07/07/2014

Morellato e Trussardi: matrimonio per gli orologi

Quando due nomi famosi si uniscono, nascono matrimoni di pregio, come nel caso di Morellato e Trussardi, che si legano in una partnership commerciale.
Morellato e Trussardi siglano un importante accordo nel nome del Made in Italy, per la produzione e la distribuzione su scala mondiale di orologi uomo prezzi Trussardi, a partire dall’autunno 2014.
Il progetto nasce dalla volontà delle due realtà di celebrare il fascino tricolore, forti di un heritage comune nel mondo della pelletteria: i guanti per Trussardi e i cinturini per Morellato.
Know-how italiano, storicità e dinamismo sono le basi su cui nasce la collaborazione tra il marchio del Levriero e Morellato Group; un connubio che riafferma l’abilità nell’arte manifatturiera e l’attenzione ai dettagli, maturate da un’esperienza storica nelle lavorazioni artigianali.
Se Trussardi è sinonimo di lusso discreto ed eleganza senza sforzo, risultato di una continua ricerca e sperimentazione, Morellato Group rappresenta l’innovazione e l’italianità nel settore dell’orologeria: requisito che ne ha fatto il partner per la realizzazione della collezione orologi Trussardi, evoluzione naturale delle collezioni accessori del celebre marchio.
Gli orologi - tutti Swiss Made - rivelano l’anima stilistica di Gaia Trussardi, Direttore Creativo del Gruppo, e la passione per l’orologeria di Tomaso Trussardi, Amministratore Delegato del Gruppo Trussardi.
La linea completa, di modelli per l’uomo e per la donna, è caratterizzata da tratti puliti e semplici; i codici stilistici distintivi di Trussardi vengono declinati attraverso la scelta di forme e materiali che creano una perfetta combinazione di eleganza senza tempo, raffinatezza ed attenzione al dettaglio.
La collaborazione prevede, entro la fine del 2014, la creazione di un modello di tinydeal.com orologio dal movimento meccanico personalizzato Trussardi, grazie al contributo di uno dei più antichi atelier svizzeri dell’orologeria.

05:38 Publié dans Blog | Lien permanent | Commentaires (0)

03/07/2014

Ecco alcune alternative per effettuare in tutta comodità il passaggio dei dati da un dispositivo Android ad iPhone 5S

Il fatto che iOS sia un sistema chiuso non rende molto agevoli alcune operazioni, come il trasferimento dati. Tuttavia, occorre sottolineare con iOS 7 abbia registrato importanti passi in avanti a proposito di apertura, anche se il divario con Android, dovuto ad una diversa filosofia aziendale della Apple rispetto a quella di Google, risulta evidente. Con il post odierno vedremo una guida su come trasferire dati da uno telefoni cellulari in offerta Android ad iPhone 5S. Ci riferiamo principalmente agli switcher che nel passaggio da Android ad iOS 7 potrebbero andate incontro ad alcune difficoltà.
Ricorso ai social network: Facebook, Twitter oltre ai più blasonati servizi di cloud storage nono perfettamente in grado di procedere all’archiviazione di dati, calendari, contatti e via dicendo. Nel caso dell’ultimo sistema operativo mobile targato Apple, Yahoo!, Google ed Exchange sono alcuni dei più noti servizi supportati, oltre a rappresentare le soluzioni più intuitive in materia di trasferimento dei dati personali. Ti basta solo inserire le credenziali di accesso al servizio direttamente nel menì delle impostazioni di iOS 7 e sincronizzare contatti, calendari- e-mail e, dove possibile, le annotazioni. Ricordiamo che Twitter e Facebook sono sempre più frequentemente impiegati per l’archiviazione dei contatti: in questi due casi specifici, l’opzione di connessione nativa delle impostazioni garantisce l’importazione dei dati dei contatti all’interno dell’omonima applicazione.
Caricamento automatico delle immagini attraverso Dropbox: il servizio di cloud storage su iOS è di sicuro una delle risorse più utilizzate nella sincronizzazione automatica dei file. Qualora, il caricamento automatico sia stato già abilitato al primo avvio di Dropbox sullo smartphone o sul tablet Android, non dovrai fare altro che connettere il tuo account del servizio di file hosting all’applicazione ufficiale di iPhone e procedere al download delle immagini.
altro metodo su come trasferire dati da uno DOOGEE DG2014 smartphone Android ad iPhone 5S consiste nell’esportazione via file in formato .vcf che verrà poi importato direttamente su iCloud. La procedura da effettuare sul terminale Android verterà su 6 step, vale a dire nel lancio dell’applicazione “Contatti”, nella pressione sul tasto “Menù”, nella selezione dell’opzione “Importa/Esporta”, nell’esportazione del file dei contatti nella memoria del dispositivo, nel suo invio via e-mail del file (o alternativamente nel suo passaggio su pc) ed infine, come già detto, nella importazione  su iCloud.

05:05 Publié dans Blog | Lien permanent | Commentaires (0)

19/06/2014

Project athena chrome os tablet ibridi smartphone

Le prime notizie sono emerse da alcuni post e link condivisi sul proprio profilo Google+ da Brandon Lall (Via GigaOM), sviluppatore indipendente che opera all'interno del progetto Chromium, quello da cui scaturisce il sistema operativo Chrome OS. In particolare si parla dello sviluppo di una nuova GUI, al momento conosciuta col nome in codice "Project Athena", che dovrebbe essere destinata a sostituire l'attuale Ash introdotta nel 2012 e poco adatta a un utilizzo di tipo touch.
Proprio questo aspetto è quello che più ha sollevato curiosità, facendo interrogare tutti sulle reali intenzioni del colosso di Mountain View: Project Athena è solo un restyling per rendere Chrome OS più comodo da utilizzare sui Chromebook con display touch o dietro c'è l'intenzione di presentare prima o poi tablet o persino telefoni cellulari prezzi con Chrome OS? E' troppo presto ovviamente per dirlo con certezza, ma la riflessione non fa che riemergere tutti i dubbi espressi non soltanto dagli addetti ai lavori ma anche dal mercato e dai consumatori riguardo alle strategie di BigG e all’eccessiva vicinanza tra Chrome OS e Android che invece di distinguersi maggiormente l’uno dall’altro sembrano sempre più destinati a sovrapporsi fino a collidere.
Già da qualche tempo infatti Google ha fatto esordire alcuni cosiddetti Androidbook come l’Archos ArcBook o l’HP Slatebook 14 che vanno quindi chiaramente a interferire col mercato dei Chromebook e se le indiscrezioni riguardo a Project Athena dovessero rivelarsi fondate, la situazione si farebbe ancora più ingarbugliata se a sua volta Chrome OS dovesse sbarcare su tablet e smartphone. Tutto quello che si sa attualmente è comunque soltanto che Athena avrà una tastiera touch, supporterà l’uso di app e avrà un nuovo launcher per la home screen, chiamato Ares. Per saperne di più bisognerà attendere i futuri sviluppi, voi intanto continuate a seguirci.http://www.tinydeal.com/it/cell-phones-c-54.html

05:17 Publié dans Blog | Lien permanent | Commentaires (0)